separatore

PIETRE

pietre
separatore

FORME E INFLUENZE DI PIETRE E CRISTALLI

GREZZA: s’intende la pietra o il cristallo naturali, che non hanno subito modificazioni chimiche o meccaniche. Per questo racchiudono un’energia molto potente e selvaggia e vanno maneggiati con cognizione e buone intenzioni.
BURATTATA: queste pietre hanno subito un processo simile a quello che potrebbero ricevere in natura dagli agenti atmosferici e dalle correnti dei fiumi, sono stati posti in un macchinario e tramite un movimento rotatorio, grazie all’azione dell’acqua con la sabbia, sono stati levigati e lucidati perdendo quindi le loro asperità. In questo caso, la loro energia è più pacata, uniforme, calma e persistente. Ottime per la meditazione, per armonizzare gli ambienti di case e uffici, per i massaggi e da indossare come ciondoli in quanto proteggono dalle energie negative rafforzando quelle positive.
SFERA: in natura non esistono pietre di forma sferica perfetta, quelle esistenti sono plasmate dall’uomo. Usate fin dall’antichità come strumenti divinatori in quanto simbolo di veggenza, saggezza e autorità. Potente strumento che crea campi protettivi grazie a vibrazioni energetiche avvolgenti. Utilizzate per la meditazione, possono essere poste sui Chakra o sui punti di Agopuntura.
PIRAMIDE: è rarissimo trovare pietre di questa forma in natura è molto più comune che la mano dell’uomo le abbia lavorate per ottenere una Piramide. E’ una forma geometrica che produce un campo energetico molto forte, stabile ed equilibrato. Prevalentemente usate per armonizzare gli ambienti, la meditazione e il rilassamento. Racchiudono i quattro elementi Terra, Acqua, Fuoco e Aria. Convergono in un unico vertice e simboleggiano le energie universali. Molto potenti, usare con cognizione e buone intenzioni.
OBELISCO: cento volte più potente della Piramide, va usata solo da persone esperte in quanto è in grado, se usata a sproposito, di provocare gravi danni al campo energetico umano e animale.
UOVO: è la forma tradizionale della cultura cinese, rappresenta la nostra essenza e le nostre radici. Ottima per la meditazione, favorisce creatività e fertilità.
CIAMBELLA: sono dischi di pietra forati al centro anch’essi ottenuti dalla mano dell’uomo.
Forma adatta per la realizzazione di ciondoli come amuleti o talismani. Il doppio cerchio di protezione fa si che la negatività rimanga intrappolata.
CUORE: anch’esse lavorate dall’uomo, simboleggiano l’amore personale ed individuale.
Perfette come regalo e in meditazione.
DRUSE: sono un insieme di quarzi su un’unica base piatta. Hanno un’energia benefica e positiva in quanto sono cristalli diversi che convivono insieme armonizzando le loro energie. Impiegate principalmente come “diffusori” di energia positiva, possono purificare e rigenerare altri cristalli se posti su di esse.
GEODI: sono Druse che si sono generate all’interno di una cavità rocciosa tondeggiante. Anche loro purificano e rigenerano ambienti e altri cristalli dalle energie negative irradiando energia positiva.
FETTE: sono le pietre più grandi, spesso tagliate a fette per evidenziare la loro bellezza interiore. Perfette per la meditazione.
CABOCHONS: sono pietre lavorate per ottenere una forma ovale, solitamente incastonate per la realizzazione di gioielli.
PIETRE LAVORATE: purtroppo la loro struttura cristallina viene spesso e pesantemente compromessa per rispondere ai canoni estetici umani. Di fatto, sono fortemente traumatizzate e di difficile risanamento. Necessitano di vari interventi di purificazione e ricarica prima di poter essere nuovamente portatrici sane di energia positiva. Ricordatevi sempre di quanto siano incredibilmente belle e affascinanti le pietre nel loro stato naturale! Meno saranno state lavorate dalla mano dell’uomo migliore sarà l’aiuto che potranno donarvi!

È preferibile indossare pietre e cristalli dopo l’applicazione di prodotti, oli e profumi per il corpo in quanto le sostanze chimiche potrebbero schiarirle, opacizzarle o alterarne le caratteristiche. Normalmente le pietre usate per la creazione di gioielli sono unite o incastonate ad altri componenti di diversi materiali come abbellimento o particolarizzazione del monile, argento, rame, acciaio, alluminio, lega di metallo, legno, etc…poi ci sono l’oro e il platino principalmente usati per le gemme preziose come il Diamante, lo Smeraldo, lo Zaffiro e il Rubino. Mi sento di dover fare un distinguo tra le pietre grezze o burattate da quelle usate per la realizzazione di ciondoli, collane, bracciali, orecchini e anelli. Per quest’ultime, a mio parere è sufficiente utilizzare un tessuto di fibra naturale come il cotone per togliere la polvere, una drusa di Ametista o una bacchetta in Selenite per purificarle, Sole (alba o tramonto mai luce diretta) e Luna per energizzarle. Sarebbe meglio purificare e ricaricare la pietra appena acquistata al fine di rimuovere le vibrazioni e gli schemi energetici non necessari e possa quindi armonizzarsi con il nostro campo energetico. Esistono diversi metodi di purificazione e ricarica, l’importante è sempre accertarsi di quale procedimento sia più idoneo per la pietra acquistata.

La fumigazione, per esempio, è un ottimo metodo non invasivo, che prevede l’uso di bastoncini di incenso, rametti di erbe aromatiche come la Salvia Bianca o il Palo Santo, l’importante che siano naturali e non chimicamente modificati. Accenderne uno in un contenitore ignifugo e mentre il fumo sale verso l’alto, porre le pietre ad una distanza di 20/25 cm sopra la fonte e attendere che il fumo le avvolga avendo cura di non tralasciare nessun lato. Mantenere le pietre nel fumo per alcuni minuti immaginando che tutte le energie negative si allontanino da esse. Al fine di ottenere un risultato ottimale, è bene procedere in totale serenità, svuotando la mente da ogni pensiero, rilassando il corpo e concentrandosi solo sull’obiettivo da raggiungere. Non scordarsi di ringraziare la pietra per averci ascoltato. Ricordo di non esporre le pietre alla luce diretta del sole ma neanche tenerle chiuse in un cassetto perché hanno bisogno di luce naturale! Conservatele semplicemente in un sacchetto di cotone naturale se volete proteggerle dalla polvere. Evitate contenitori metallici o plastici, in quanto potrebbero compromettere le energie delle pietre. Sarebbe anche opportuno non accatastarle, ma lasciare dello spazio tra l’una e l’altra, specie se sono di varietà differenti. Come già detto all’inizio, ogni pietra in natura, dispone di un potenziale energetico e quando lo avrà esaurito diventerà fragile e si romperà. A quel punto, significa che avrà raggiunto il suo scopo e sarà arrivato il momento di andare avanti senza di lei. Non la butteremo nella spazzatura ma la riconsegneremo alla natura liberandola in mare, in un corso d’acqua o seppellendola nella terra. Potremo anche sentire il desiderio di donare il nostro cristallo o la nostra pietra ad una persona a noi cara…sarà un vero gesto d’amore! Se sentite una connessione con le vostre pietre o volete instaurarne una, potete programmarle.

Un metodo semplice, che non comporta conoscenze in ambito olistico e che può fare chiunque è il seguente:
Create un ambiente dove l’atmosfera sia di tipo meditativo, luci soffuse preferibilmente pervaso da fumi di incenso, anche la musica se scelta con attenzione può essere un’ottima alleata al rilassamento. Sedetevi in una posizione comoda con la schiena dritta, posizionate la pietra o il cristallo nella mano destra e porre il dorso della stessa nel palmo dell’altra mano. Formulate una frase chiara, breve e concisa, un desiderio o una richiesta specifica che vorreste che la pietra ascoltasse. Visualizzare una sfera di luce bianca posizionata sopra la testa nel Chakra della Corona e immaginate che questa sfera entri nella vostra testa e si diriga verso il Terzo occhio proseguendo nel Chakra della Gola fino a raggiungere il Chakra del Cuore. Trattenete per qualche minuto o fin quando riuscite la sfera di luce bianca nel vostro cuore ripetendo il vostro desiderio. Quando sentirete di essere pronti, visualizzate la sfera di luce bianca uscire dal vostro petto e avvolgere la pietra che state tenendo in mano.
E’ possibile eseguire questa programmazione anche immaginando la sfera di luce invece che bianca, colorata.
Il procedimento è il medesimo ma la mano che terrà il cristallo o la pietra sarà la sinistra e dovrete immaginare e visualizzare la sfera del colore che avete scelto.

Rosso per l’energia, la vitalità e la resistenza.
Arancione per la gioia e la leggerezza dell’essere.
Giallo per la saggezza e la chiarezza di pensiero.
Verde e Rosa per l’armonia e l’equilibrio, il conforto, l’amore puro e incondizionato.
Blu per la serenità, la fiducia, la lealtà e la pace interiore.
Indaco per gli alti ideali e l’ispirazione.
Viola per la crescita spirituale, la creatività e il bene altrui.

separatore

ACQUAMARINA “Coraggio”

L’Acquamarina o “pietra del respiro” appartiene alla famiglia del Berillo e il colore che la caratterizza è azzurro più o meno intenso tendente al verde acqua. Il nome deriva dal latino “Aqua marinus” che significa acqua del mare. Nella tradizione antica era considerata il tesoro delle sirene e veniva usata dai marinai come talismano di buona fortuna e protezione. Sumeri, Egizi e Antichi Greci credevano che la pietra potesse proteggerli dall’annegamento durante i viaggi in mare. Era anche considerata la pietra dell’ eterna giovinezza e della felicità. Oggi, l’Acquamarina, oltre ad essere ancora la protettrice dei naviganti è uno dei regali di nozze più in uso in quanto assicura amore e felicità nel matrimonio. Associata al 5° Chakra Visuddha della Gola, aiuta a superare la paura di parlare, è un’ottima pietra per tutti coloro che parlano in pubblico. Si dice che sia una pietra saggia perché insegnerebbe a distinguere il vero dal falso, l’amico dal nemico. Elimina la confusione mentale stimolando il desiderio di ordine per definire le questioni irrisolte. Induce serenità, sicurezza e saggezza. Eccellente pietra per la meditazione o da indossare come gioiello. L’Acquamarina proviene in gran parte dal Brasile ma si trova anche in Russia, Madagascar e Stati Uniti d’America. Raramente si trova in Italia (Valtellina e Isola d’Elba). “Chi porta questa pietra con sé, la tiene spesso in mano e sovente la osserva difficilmente entrerà in disaccordo con le altre persone, non sarà litigioso e manterrà sempre la calma” Santa Ildegarda di Bingen

AGATA “Protezione”

L’Agata fa parte del gruppo dei quarzi, è una particolare forma di Calcedonio. La caratteristica di questa pietra è la tipica colorazione a strisce che si crea quando nella lava delle rocce vulcaniche si formano delle bolle d’aria che, raffreddandosi, formano piccoli cristalli che si depositano gradualmente a strati sulle pareti delle cavità. Esistono diverse varietà di questa pietra bellissima e multicolore, la più potente di tutte è l’Agata Muschiata, altre tipologie sono l’Agata dal pizzo blu o Blu Lace Agate, l’Agata di Fuoco, l’Agata del Botswana, l’Agata Corniola e l’Agata nera. I colori primari sono il grigio, il blu, il rosso, il giallo e il verde più o meno striato ma anche il marrone, l’arancione, il rosa, il viola, il bianco latte e il nero. Non esiste popolo antico che non abbia considerato l’Agata un amuleto di protezione e buona fortuna. Amatissime erano le “Agate d’acqua” o “pietre d’aquila” chiamate così perché la loro cavità era appunto piena di acqua. Questa pietra vibra ad una frequenza inferiore, per questo possiede forti proprietà di messa a terra e stabilizzazione. Associata al 1° e 2° Chakra Muladhara e Svadhisthana, l’Agata promuove il pensiero logico razionale, la calma, la concentrazione, la crescita spirituale e il realismo. Riduce lo stress infondendo armonia, amore a abbondanza in chi la indossa. I maggiori giacimenti di Agata si trovano in Brasile, India, Asia Minore e Cina, quelli in Germania sono quasi esauriti. “Pietra di bontà divina per eccellenza” Santa Ildegarda di Bingen

AMAZZONITE “Speranza”

L’Amazzonite detta anche “pietra d’Amazzonia” o “pietra della speranza” è un minerale appartenente alla famiglia dei Feldspati. Ha un bellissimo colore verde mare ed è associata al 4° e 5° Chakra Anahata e Visuddha. E’ una pietra morbida, si graffia facilmente ed è abbastanza rara. E’ la pietra del guerriero che ricerca la verità, la forza interiore e l’integrità. Rafforza la capacità di prendere decisioni, allontana il vittimismo stimolando il desiderio di prendere in mano le redini della propria esistenza. Bilancia l’energia femminile e maschile, promuove la gentilezza e infonde un profondo spirito di fiducia in Dio. Ottima pietra per gli artisti e gli uomini d’affari. L’Amazzonite proviene quasi esclusivamente dalla Russia ma recentemente sono stati trovati cristalli di qualità anche in Colorado negli Stati Uniti d’America, Madagascar e Brasile.

AMETISTA “Pace interiore”

L’Ametista è considerata la qualità più pregiata dei quarzi cristallini. Il colore varia dal viola più o meno intenso al rosa. Generalmente si trova nei geodi, cavità interne alle rocce magmatiche normalmente di forma sferica, il cui interno è rivestito di cristalli a formare le cosiddette druse di Ametista che possono avere dimensioni variabili da pochi centimetri fino ad arrivare ad alcuni metri come vere e proprie grotte. Il nome deriva dal greco antico “amethystos” che significa “non ubriaco”. Anticamente si pensava che questo cristallo indossato potesse preservare dall’ubriachezza favorendo una saggia lucidità mentale. La leggenda racconta di Ametista, una bellissima vergine corteggiata insistentemente dal dio Bacco, noto per la sua promiscuità e per essere costantemente ubriaco. La vergine lo respinse e Bacco furioso per essere stato rifiutato scatenò contro la giovane una belva ferocissima. Ametista in preda alla disperazione invocò l’aiuto della dea Diana che la trasformò in roccia per salvarle la vita.Bacco, tornato lucido e colto dalla disperazione, versò sulla bella Ametista il suo vino migliore. Così facendo, la roccia ne assorbì il nettare assorbendo la caratteristica colorazione violacea. Questo cristallo ha un forte potere protettivo associato al 6° Chakra Ajna, se posto sulla fronte in mezzo alle sopracciglia, aiuta a concentrarsi durante la meditazione. È un tranquillante naturale in grado di stimolare la consapevolezza spirituale e la saggezza interiore. Conferisce onestà e rettitudine. Infonde pensieri positivi allontanando la tristezza, se tenuta nella federa del cuscino, favorisce un sonno sereno e profondo, Non esporla alla luce diretta del sole per troppo tempo perché scolorisce. I migliori cristalli provengono dai giacimenti in Uruguay e Brasile ma si trovano anche in Russia, Sud Africa e Stati Uniti d’America.

APATITE “Lealtà”

L’Apatite appartiene alla classe minerale dei Fosfati di calcio, prevalentemente opaco e raramente trasparente. Il nome deriva dal greco “apatao” che significa inganno perché in passato, veniva spesso confusa con altri minerali come il Berillo, la Calcite, la Tormalina o il Topazio. Solo nel 1786 è stata identificata e nominata come un minerale a sé stante dal mineralogista tedesco Abraham Gottlob Werner. L’Apatite si trova in molteplici colori come grigio, verde, giallo, viola, incolore, blu chiaro, blu scuro e blu neon. E’ una pietra che si trova facilmente in natura ma anche nel corpo umano sotto forma di minerale osseo. Fu trovata anche nelle rocce lunari dagli astronauti del programma Apollo. Associata al 5° Chakra Vissuddha e al 6° Chakra Ajna, promuove la comunicazione, l’intuizione e la saggezza. Rende leali ed aperti verso gli altri infondendo l’estroversione. Dona vitalità alleviando l’apatia e i dispiaceri facendo emergere gli aspetti piacevoli della vita. E’ un’ottima pietra per tutti coloro che devono parlare in pubblico e per i creativi in quanto stimola l’ispirazione. Indicata per la meditazione ma anche come pietra da indossare come gioiello o da tenere semplicemente in tasca. I principali giacimenti si trovano in Brasile, Madagascar e Messico ma alcuni esemplari sono stati trovati anche in Russia, Canada, Francia e Portogallo.

AZZURRITE K2 “Risveglio”

L’Azzurrite appartiene alla classe minerale dei carbonati, nello specifico l’Azzurrite K2 è una varietà scoperta nella catena montuosa del Karakorum tra Pakistan e Cina proprio alla base della seconda montagna più alta del mondo il K2 alla quale deve il suo nome. Erroneamente chiamato Diaspro è invece un granito bianco composto da altri minerali che creano il tipico effetto a macchie azzurre più o meno intense. E’ un minerale piuttosto raro considerando la difficoltà di estrazione ad alta quota. Associata al 6° Chakra Ajna è la pietra del desiderio di conoscenza. Stimola la consapevolezza e la conoscenza di se stessi, porta chiarezza e dissipa la confusione. Promuove l’equilibrio spirituale. Ottima pietra per la meditazione e da indossare.

CIANITE “Sintonia”

La Cianite o Kyanite è un minerale di Silicato il cui nome deriva dal greco “Kyanos” che significa blu. Anticamente era Chiamata Distene dal greco “dis=due e stenos=forza” per la sua durezza che varia a seconda della sua scalfittura. Associata al 5° Chakra Visuddha migliora la conoscenza, la saggezza, l’intelligenza, l’eloquenza, le capacità comunicative e la persuasività. Ottima pietra per imprenditori, avvocati e per tutti coloro che devono parlare in pubblico in quanto aiuta a generare una reputazione forte e positiva. E’ una pietra molto resistente che non richiede pulizia e ricarica. Ottima per la meditazione se posta sul 5° Chakra della Gola, come ciondolo o gioiello. I principali giacimenti di Cianite si trovano in Brasile, Stati Uniti d’America, Russia, India, Kenya e Svizzera. In Italia la troviamo in val d’Ossola in Piemonte, val di Vizze e val Passiria in Trentino Alto Adige.

CRISOPRASIO “Armonia”

Il Crisoprasio è una varietà di Calcedonio, appartiene alla classe minerale dei quarzi, contiene piccole tracce di nichel che ne determinano il tipico colore verde mela che permane fino a quando l’acqua è presente nel reticolo cristallino. Quando il minerale è completamente disidratato, perde la sua colorazione e si schiarisce. Per la sua particolare colorazione è un minerale abbastanza raro, molto apprezzato in gioielleria specie nella varietà Imperiale, ha un costo talvolta paritario o superiore a quello della Giada con la quale spesso viene confuso. Conosciuto fin nell’antichità in molte culture orientali ed europee, il Crisoprasio era considerato una pietra potente, in grado di bilanciare lo yin e lo yang nella dottrina Taoista. Associato al 4° Chakra Anahata, infonde fiducia e sicurezza in se stessi. Contrasta gli atteggiamenti mentali negativi rielaborando e trasformando i pensieri in positivo. Promuove lo sviluppo della pazienza e del pensiero logico razionale. Tenere un Crisoprasio vicino alla porta d’ingresso di una casa consentirà di vivere in un ambiente pacifico e armonioso. Meglio non esporlo troppo ai raggi solari diretti in quanto potrebbe schiarire. Indossato come gioiello o tenuto in tasca non importa, sarà comunque di grande beneficio.I principali giacimenti si trovano in Australia ma anche in Brasile, Madagascar, Stati Uniti d’America e Polonia. “Se una persona è furibonda, posi il Crisoprasio sulla gola fino a che non diventa calda. A quel punto non sarà più capace di pronunciare alcuna parola finché l’ira non si sarà placata” Santa Ildegarda di Bingen

DIASPRO ROSSO “Successo”

Il Diaspro Rosso appartiene al gruppo dei Quarzi, generalmente di colore rosso mattone ma può anche assumere colorazioni verdi, giallastre e nere. Il termine Diaspro deriva dal greco-latino “iaspis” e significa “pietra screziata”. Sono definiti “Diaspri” tutti i minerali policromi e di difficile identificazione come per esempio la Serpentina, l’Occhio d’Argento comunemente chiamato Diaspro Zebrato, il Diaspro Leopardo il Crisoprasio, l’Eliotropio, la Mookaite e così via. Nell’Antico Egitto consideravano il Diaspro come un amuleto nella forma di uno scarabeo mentre nel Medioevo erano le pietre protettrici dei guerrieri. In generale il Diaspro è una pietra con una forte energia terrestre stabile e sicura. Il Diaspro Rosso nello specifico rinvigorisce, rigenera ed è di grande sostegno a tutti coloro che stanno attraversando importanti cambiamenti nella vita. E’ una pietra potente per il rafforzamento energetico, promuove il coraggio, la combattività, la risolutezza e la volontà. Stimola la fantasia, la rettitudine e l’onestà. Associato al 1° Chakra Muladhara dona vitalità e resistenza. E’ una pietra molto tattile che ha bisogno di essere regolarmente pulita e purificata dalle energie negative che assorbe e accumula dall’ambiente. Le migliori qualità di Diaspro si trovano nei giacimenti in Russia, Sassonia, Egitto, Stati Uniti d’America, Brasile, Madagascar e Sud Africa. “Se i nostri sogni sono turbati da tuoni e lampi o da sogni agitati, si deve avere vicino a sé un diaspro. Così tutti i fantasmi, le allucinazioni, gli incubi e gli inganni del diavolo fuggiranno” Santa Ildegarda di Bingen

DIOPSIDE “Creatività”

Il Diopside è un minerale appartenente al gruppo dei Pirosseni. E’ composto da cristalli prismatici allungati e può essere di colore verde, giallo, azzurro, blu, marrone e bianco e trasparente. Deriva dalla parola greca “di” (doppio) e “opsis” (vista) per il suo pleocroismo ossia la capacità di assorbire la luce differenziando il colore se osservata da diverse angolazioni. Viene anche chiamato Cromo Diopside, Diopside Russo e Imperiale, inoltre esiste una versione Stellata chiamato Stella Nera o Black Star. Associata al 1° e 4° Chakra Muladhara e Anahata è la pietra della creatività. Infonde calma, chiarezza e coraggio. Stimola la vitalità, l’armonia, la gioia di vivere e l’immaginazione. Il Diopside proviene da giacimenti in Cina, Birmania, Canada, Brasile, Italia, Finlandia, Kenya, Russia e Stati Uniti d’America.

DOLOMITE “Autostima”

La Dolomite appartiene alla classe minerale dei carbonati e anticamente veniva scambiata con la Calcite. Nel 1791 durante un viaggio sulle Alpi, il geologo francese Dolomieu scoprì una roccia calcarea che si differenziava dalla comune Calcite e nel XIX secolo la composizione di questa roccia fu denominata come Dolomite. I colori variano dal bianco al rosa e al rosso/bruno, a seconda della sua colorazione, si associa al 2°, 4° e 7° Chakra Svadhisthana, Anahata e Sahasrara. Promuove la stabilità e la determinazione nella realizzazione personale. Spinge ad essere se stessi e a pensare in modo logico e pragmatico. Rafforza la volontà di raggiungere i propri obiettivi nella vita. Può essere indossata o portata in tasca. In Italia si trova lungo tutto l’arco dolomitico mentre nel mondo i siti più importanti sono negli Stati Uniti d’America, Canada, Messico, Brasile, Svizzera, Inghilterra, Spagna e Germania.

DUMORTIERITE “Take it easy”

La Dumortierite appartiene alla classe minerale dei nesosilicati, fu scoperta in Francia alla fine del XIX secolo e deve il suo nome al paleontologo francese Eugene Dumortier. Di colore blu più o meno scuro, blu/violaceo o bruno, è una pietra usata non solo in Cristalloterapia ma anche nelle industrie per la creazione di manufatti in porcellana e ceramica di alta qualità per la sua caratteristica di diventare di un bianco puro se sottoposta ad alte temperature. La Dumortierite è soprannominata “take it easy” perché spinge l’individuo a vivere con ottimismo e leggerezza. Associata al 5° e 6° Chakra Visuddha e Ajna, promuove armonia e fiducia, infonde forza e coraggio, serenità e armonia. Si può indossare come gioiello, tenere sotto al cuscino, in tasca o in meditazione. I maggiori giacimenti di Dumortirite si trovano negli Stati Uniti d’America e in Madagascar.

ELIOTROPIO “Perseveranza”

L’Eliotropio appartiene alla classe minerale degli ossidi, congiunge i quarzi della famiglia del Calcedonio con quella del Diaspro. Di base è un Calcedonio verde scuro con macchie rosso/giallo dovute alle inclusioni di piccoli cristalli di quarzo, ossidi di ferro ed ematite. Il nome significa “volgersi verso il sole” nella lingua greca, è conosciuto fin dalle civiltà più antiche e veniva chiamato Diaspro sanguigno o Bloodstone durante l’epoca medioevale. Associato al 2° Chakra Svadhisthana, l’Eliotropio ha la capacità di allontanare e proteggere l’individuo che lo indossa dalle influenze indesiderate. Promuove la capacità di adattamento nelle nuove situazioni infondendo la calma necessaria ad affrontarle. Attenua l’irritabilità, l’aggressività e l’impazienza. I principali giacimenti si trovano in India ma anche in Brasile, Cina e Stati Uniti d’America.

EMIMORFITE “Pace interiore”

L’Emimorfite è un minerale appartenente alla classe dei silicati, di colore celeste chiaro è associato al 5° e 6° Chakra Visuddha e Ajna. E’ una pietra che dona forti benefici all’anima, promuove un atteggiamento pacifico aiutando la concentrazione sui propri obiettivi nella vita. Infonde calma e serenità proteggendo dalle influenze negative esterne. In meditazione regala energia positiva e serenità, indossata quotidianamente favorisce l’equilibrio emotivo. Non tollera l’acqua. I principali giacimenti di Emimorfite si trovano negli Stati Uniti d’America, Thailandia, Italia, Austria, Siberia e Algeria.

FLUORITE “Ordine”

La Fluorite è un minerale appartenete alla classe degli alogenuri composto da fluoruro di calcio, ha una struttura interna perfetta, sarà per questo che porta ordine dove c’è caos. I colori variano da trasparente a giallo, verde, blu, azzurro, rosa, arancione e violetto. Se scaldata diventa luminosa dando vita al fenomeno chiamato fosforescenza. Associata al 6° Chakra Ajna, è una pietra che porta ordine e stabilità nella vita. Promuove la libertà di pensiero, stimola il ragionamento logico e l’intuizione, la creatività e la fantasia. Protegge dalle radiazioni elettromagnetiche. Ottima per la meditazione, da indossare come gioiello, da tenere in tasca, nella federa del cuscino o nel luogo di lavoro per migliorare le relazioni con colleghi o collaboratori. La Fluorite è molto diffusa un pò in tutto il mondo, Stati Uniti d’America, Brasile, Norvegia, Canada, Svizzera, Gran Bretagna, Germania, Bulgaria, Francia, Spagna, Russia, Messico, Marocco, Madagascar e Africa sud occidentale. Si trova anche in Italia soprattutto in Trentino e Sardegna.

FUCSITE “Rinnovamento”

La Fucsite è una varietà di muscovite, il suo colore verde dipende dal cromo contenuto nella struttura cristallina e più sarà presente più il colore risulterà intenso e profondo. Associata al 4° Chakra Anahata, prende il nome dal geologo tedesco Johann Nepomuk von Fuchs. Questa pietra promuove il rinnovamento mostrando tutto ciò che abbiamo di bello nella vita, dona gioia, vitalità, pace e serenità. La Fucsite aiuta a ristabilire l’equilibrio mentale ed emotivo, attira la buona fortuna e infonde resilienza in ogni campo della vita.Grazie alle sue energie benefiche, può essere indossata come gioiello, tenuta in borsa, in tasca o in una stanza. I principali giacimenti si trovano in Austria, Russia e Italia.

GIADA “Portafortuna”

La Giada è un aggregato minerale composto da Giadeite e Nefrite quindi in natura la pietra Giada di per sé non esiste. Nello specifico, la prima è molto rara e costosa, si origina dalle metamorfosi delle rocce basiche e quando presenta inclusioni di manganese, genera la ancor più rara Giada Lavanda. La Nefrite invece è una varietà di actinolite, il termine deriva dal greco “nephron” che significa “rene” e la si trova in tantissimi colori e gradazioni di giallo, rosso, bruno, bianco e grigio, maculata o striata. La varietà più pregiata è quella di colore verde. Avendo una lucentezza molto simile viene spesso confusa e commercializzata come Giadeite, talvolta anche lavorata artificialmente per migliorarne l’aspetto. La Giada viene principalmente estratta in Cina nella regione della Birmania e fin dall’antichità è stata considerata un amuleto di portafortuna. La Giada Imperiale, dal caratteristico colore verde Smeraldo, è ancora oggi la pietra più ambita nella medicina tradizionale cinese perché considerata fonte di vibrazioni metafisiche che promuovono le 5 virtù dell’umanità: saggezza, compassione, giustizia, modestia e coraggio. Esistono varietà di Giadeite bianche, nere, rosa e verde. Associata al 4° Chakra Anahata è considerata la pietra del cuore, dona ricchezza, prosperità, pace e serenità. Vitalità ed è utile per tutti coloro che soffrono di meteoropatia. Indossare la Giadeite tiene lontane le energie negative, in meditazione aiuta a bilanciare le emozioni. Oltre alla Birmania del Nord, la Giadeite viene estratta anche in Guatemala, Giappone, Messico e Stati Uniti d’America.

IOLITE “Vitalità”

La Iolite è una varietà della Cordierite e appartiene alla classe dei Ciclosilicati. Di base ha un bellissimo colore blu violaceo ma può essere anche blu scuro, blu chiaro e blu grigiastro tendente al giallo. La peculiarità di questa pietra è quella di essere pleocroica, ossia ha la capacità di assorbire la luce differenziando il colore se osservata da diverse angolazioni. Associata al 6° Chakra Ajna è una pietra carica di energia positiva e vitalità. Dona tranquillità, armonia mentale e spirituale, scaccia la depressione e accresce la consapevolezza. Molto indicata per la meditazione. Posta sul comodino o sotto al cuscino allontana l’insonnia, indossata come gioiello è rivitalizzante. Le migliori qualità di Iolite sono estratte in Madagascar e Sri Lanka. Si trova anche in India, Brasile, Birmania, Australia, Namibia, Tanzania, Stati Uniti d’America e Canada.

KUNZITE “Equilibrio”

La Kunzite è una varietà di Spodumene di colore rosa-lilla e prende il nome dal suo scopritore George Frederick Kunz che nel 1902 la trovò in California. Mineralogista nonché grande appassionato e collezionista, divenne a soli ventitré anni, capo gioielliere di Tiffany & Co. In Afganistan nel 2007 è stata scoperta la varietà più pregiata di questa gemma chiamata Kunzite-Patroke di un bellissimo colore rosa intenso tendente al lilla e al fucsia. Associata al 4° e 6° Chakra Anahata e Ajna è fonte di calma emotiva e pace interiore. Considerata la pietra delle donne è consigliata alle neo mamme come aiuto nel post parto in quanto allevia la depressione, la tristezza e lo stress. Favorisce la riflessione su se stessi e la tolleranza verso gli altri, dona amore incondizionato e fiducia. E’ un’ottima pietra per la meditazione, se posta in ufficio o nello studio offre impegno e dedizione. Inserita nella federa del cuscino rilassa il sonno irrequieto mentre indossata come gioiello aiuterà a rapportarsi con gli altri con serenità senza pregiudizi. I maggiori giacimenti si trovano in Afganistan ma viene estratta anche in Brasile, Madagascar e Pakistan.

LABRADORITE “Fascino”

La Labradorite appartiene alla famiglia minerale dei Feldspati, è di colore grigio ma possiede sfumature di colori brillanti che variano dal verde al blu e al giallo dovute alla sua struttura lamellare stratificata che ne determina il noto effetto della labradorescenza, ossia un effetto ottico che modifica il colore quando si muove la pietra. Fu scoperta nel 1770 nella penisola del Labrador in Canada, dai Missionari Moravi che le diedero il nome del luogo di ritrovamento. La Labradorite è una gemma molto amata in gioielleria per i suoi stupendi riflessi colorati ma anche in Cristalloterapia come eccellente antidoto contro le illusioni e, come tutte le pietre iridescenti, protegge dalla negatività. Associata al 6° Chakra Ajna, bilancia intuizione ed intelletto, allontana le illusioni e fa emergere le reali intenzioni personali. Stimola la fantasia e la creatività, promuove entusiasmo e introspezione, potenzia il fascino personale. Infonde vitalità, felicità, speranza e fiducia. Se tenuta sul comodino, allontana stress e insonnia, donando tranquillità e sogni bellissimi. La Labradorite è una pietra ottima da tenere con sé per chi ha difficoltà ad accettare il proprio aspetto fisico in quanto potenzia l’autostima ma anche per chi, al contrario, da troppa importanza all’aspetto esteriore e non considera quello spirituale. Esiste una variante nera chiamata Spectrolite e una bianca l’Albite. Quest’ultima, è spesso venduta come Pietra di Luna Arcobaleno ma non ha nulla a che vedere con la Labradorite bianca. La Labradorite è un’eccellente pietra per la meditazione e da indossare come gioiello.I principali giacimenti si trovano in Canada nella penisola del Labrador, nella penisola Scandinava e in Madagascar.

LAPISLAZZULI “Saggezza”

Il Lapislazzuli appartiene alla famiglia dei Tettosilicati, la parola deriva dal persiano “Lapis lazulo” e significa “pietra azzurra”. E’ una delle pietre semipreziose più note e conosciute fin dall’antichità. Cleopatra la faceva polverizzare per applicarla sulle palpebre come ombretto per promuovere l’illuminazione e la consapevolezza. Nel Medioevo e nel Rinascimento il Lapislazzuli veniva utilizzato anche in ambito artistico. Un esempio è il cielo dell’ affresco “Giudizio Universale” di Michelangelo nella Cappella Sistina. Nota come la “pietra dell’amicizia” infonde saggezza e intuizione, chiarezza e onestà. Collegata al 5° e 6° Chakra Visuddha e Ajna, facilita la comunicazione e assicura gloria e fama a chi la indossa. Protegge dal malocchio e dalle energie maligne, allontana gli incubi e concilia il sonno. Dona pace, equilibrio, consapevolezza e intuizione. Indicata per la meditazione può essere posta direttamente sulla fronte per il suo forte potere calmante o indossata come gioiello. Il Lapislazzuli si trova principalmente in Afghanistan, Cina e Cile.

LARIMAR “Calma interiore”

Il Larimar appartiene alla famiglia dei Pectoliti, la sua colorazione varia da bianco-bluastro, blu-chiaro, verde-chiaro, blu-verde, blu-turchese, verde-turchese, verde scuro, blu intenso, viola e indaco. Fu scoperta per la prima volta nel 1916 da un sacerdote spagnolo Miguel Domingo Fuertes Loren a Santo Domingo nella Repubblica Dominicana ma solo nel1974 venne commercializzata da Miguel Mendez e dall’americano Norman Rilling volontario del Corpo di Pace degli Stati Uniti d’America, fondatori del primo e unico cantiere per gli scavi di estrazione. La parola Larimar è l’unione tra il nome Larissa, figlia di Mendez e “mar” che in spagnolo significa mare. È una pietra rara e costosa, nota anche come Pietra di Atlantide o Pietra dei Caraibi ha proprietà magiche. Particolarmente connessa al 4° e 5° Chakra Anahata e Visuddha è comunque collegabile a tutti i 7 Chakra. Aiuta a superare la paura, il dolore e l’eccessiva emotività. Ha una forte energia femminile armoniosa, infonde calma interiore e controllo di fronte a situazioni drammatiche. Stimola la creatività e la riflessione costruttiva. Pietra idonea alla meditazione in quanto è in grado di sciogliere i blocchi energetici su cui viene poggiata. Può anche essere indossata come gioiello. L’unico giacimento di Larimar si trova a Los Chupaderos nella Repubblica Dominicana.

LEPIDOLITE “Pazienza”

La Lepidolite appartiene alla famiglia delle Miche, è una pietra particolarmente lenitiva ed emotivamente calmante. Ottima da tenere vicino ai bambini piccoli per placare la loro iperattività. Connessa al 4° Chakra Anahata, stimola la capacità di riflessione, aiuta a perseguire i propri obiettivi senza farsi distrarre. Incoraggia l’indipendenza e l’amor proprio. Infonde ottimismo e pazienza, calma e serenità. Offre opportunità di successo. Può essere indossata come gioiello o tenuta sotto al cuscino per un riposo sereno. Giacimenti si trovano in Australia, Stati Uniti d’America, Russia e Svezia.

MAGNESITE “Autoaccettazione”

La Magnesite appartiene alla classe minerale dei carbonati, in particolare al gruppo della calcite. È di colore bianco, grigio, bruno, spesso marmorizzato. Non ha connessioni con un Chakra specifico perciò può essere utile con ognuno di essi. Ha la caratteristica d’infondere ottimismo e tranquillità, aiuta a volersi bene e ad accettarsi per come siamo. Può essere tenuta in tasca per placare nervosismo ed eccitazione ma anche indossata come gioiello antistress. Giacimenti importanti di Magnesite si trovano negli Stati Uniti d’America, Svezia, Austria ma anche in Italia (Piemonte e Toscana).

MORGANITE “Amore”

La Morganite è un Berillo di colore rosa delicato più o meno intenso, verde oliva, verde chiaro, salmone con inclusioni di fibre d’argento. Scoperta nel 1911 in Madagascar,fu chiamata così dal mineralogista statunitense George Fredirick Kunz in onore di John Pierpont Morgan, un noto banchiere anch’egli statunitense. È associata al 4° Chakra Anahata. E’ una pietra legata al cuore, ispira amore verso la vita e verso tutti gli esseri viventi. Stimola la contemplazione nella crescita spirituale, promuove empatia, tolleranza, pazienza e compassione. E’ indicata per la meditazione ma anche come gioiello da tenere a contatto con il corpo specie se posta sul cuore. I più importanti giacimenti si trovano in Brasile e Madagascar.

OCCHIO di TIGRE “Stabilità”

L’occhio di tigre è una varietà di quarzo contenente inclusioni del minerale crocidolite che poi si trasformano in limonite dando vita al caratteristico colore giallo tendente all’oro che richiama, come si evince dal nome stesso, il colore dell’iride della tigre. Negli esemplari a forma di cabochon, ossia privi di sfaccettature, è visibile un fenomeno ottico chiamato “gatteggiamento”. Si forma quando alcune intrusioni cristalline aghiformi all’interno della pietra formano una linea verticale simile alla pupilla del gatto quando si restringe al massimo in presenza di molta luce. Alla stessa famiglia di quarzi appartengono anche l’Occhio di Falco, l’Occhio di Bue e l’Occhio di gatto. E’ una pietra dai riflessi setosi molto amata nel periodo Medioevale tanto da essere considerata un amuleto di protezione contro le energie negative. Associata al 1° Chakra Muladhara è un’ottima pietra per la messa a terra e il mantenimento della stabilità. Amplifica la forza di volontà e il coraggio. E’ una pietra molto utile in meditazione per ritrovare la fiducia in se stessi mantenendo il controllo nelle situazioni critiche. Protegge dalle energie negative e se tenuta nel portafoglio, si dice che attiri ricchezza e denaro. I principali giacimenti si trovano in Sud Africa.

OPALE “Allegria”

L’Opale che il latino significa pietra preziosa appartiene alla classe minerale degli ossidi, la tipica iridescenza o opalescenza è dovuta alla rifrazione di particelle sferiche di biossido di silicio. Il colore varia dal trasparente al bianco latte ma anche verde, rosso, giallo, marrone e blu. Esistono molte varietà come quella Comune, Nobile, l’Opale nero o d’acqua e l’Opale di fuoco. A seconda della sua colorazione è associato al 2°, 4°, 5° e 7° Chakra Svadhisthana, Anahata, Visuddha e Sahasrara, noto fin nella mitologia greca come pietra di fortuna o sventura, è una pietra emotiva che riflette l’umore di chi lo indossa. Intensifica le emozioni, incoraggia la libertà e l’indipendenza. Ispira gioia di vivere e desiderio di cambiamento. Promuove la creatività in tutti i campi, incoraggia l’amore, l’entusiasmo e l’ottimismo. Ottima pietra per dirigere meglio i pensieri e le energie. Si può indossare come gioiello, tenere in tasca o nella federa del cuscino ad eccezione dell’Opale di Fuoco in quanto conferendo vitalità, potrebbe interferire con il riposo notturno. I principali giacimenti si trovano in Australia.

OSSIDIANA NERA “Protezione”

L’Ossidiana è un vetro vulcanico che si forma rapidamente quando la lava si raffredda. E’ una pietra molto potente, protegge dalle energie negative di ogni tipo e assorbe quelle tossiche sia dal corpo che dagli ambienti in cui si vive o si lavora. Per questo è bene purificarla e ricaricarla spesso. E’ associata al 1° Chakra Muladhara, aiuta la realizzazione professionale e allontana invidia e malizia. Soprannominata anche la pietra della verità in quanto riesce a dissipare il buio interiore portando luce. Indossata come gioiello è uno scudo protettivo contro tutte le energie negative, così come se posta in casa o in ufficio farà da schermo protettore. Considerando la forte energia di questa pietra, per l’uso in meditazione, sarebbe meglio un approccio graduale per tre o quattro minuti. I principali giacimenti si trovano in Asia, Indonesia, Giappone, Messico, Perù, Brasile, Stati Uniti d’America, Ungheria, Islanda e Italia, prevalentemente sul massiccio del Monte Arci in Sardegna ma anche nelle isole siciliane di Lipari e Pantelleria.

PIETRA di LUNA o ADULARIA “Energia femminile”

La Pietra di Luna appartiene alla famiglia dei tettosilicati, nello specifico è un feldspato con una struttura interna lamellare che rifrange la luce determinando bellissimi riflessi bianco/bluastri. Può essere anche di colore blu, grigio, giallo e arcobaleno. È una pietra che viene spesso imitata con altri quarzi, vetri o plastica oppure spacciata per vera quando in realtà è una Labradorite bianca. Solo la vera Adularia è caratterizzata dal fenomeno dell’adularescenza, un gioco di luci prodotto da piccole regolari inclusioni di Albite. Associata al 7° Chakra Sahasrara è legata alla Luna e alle sue energie di intuizione, sentimenti, cuore e fertilità. E’ una pietra particolarmente adatta alle donne ma può essere utile anche agli uomini per aprire il proprio sé emotivo. Eccellente nella meditazione per comprendere meglio se stessi e la propria personalità. Giacimenti di Pietra di Luna si trovano in Sri Lanka, Stati Uniti d’America, Australia, Birmania, Brasile, India, Madagascar e Tanzania.

PIETRA del SOLE “Potere”

La Pietra del Sole o “Sunstone” appartiene alla famiglia dei feldspati, ha un colore arancio-bruno brillante ed è associata al 2° Chakra Svadhisthana. Come indica il nome, è legata al Sole ed è conosciuta come Eolite dal greco “helios” sole e “lithos” pietra. E’ considerata la pietra della leadership, del potere e della forza. Promuove la creatività, incoraggia l’indipendenza, l’ingegno e la vitalità. Consigliata come pietra di buona fortuna nelle competizioni per ottenere gloria, fama e riconoscimenti. Indossata promuove l’ottimismo, l’entusiasmo e la tenacia. Rasserena l’animo e spinge all’azione in ogni campo della vita. I più importanti giacimenti si trovano in India e Russia.

RUBINO “Entusiasmo”

Il Rubino è un ossido appartenente alla famiglia del corindone, contiene cromo che gli conferisce un bellissimo colore rosso che varia dal “vivo” al rosato. Considerata la regina di tutte le gemme, il talismano per eccellenza di prosperità, passione e protezione. Associato al 1° Chakra Muladhara è una gemma molto rara, simbolo di forza vitale e amore. La “pietra del sole” così chiamata dalle antiche civiltà europee e indiane, genera dinamismo ed entusiasmo, allontanando apatia e passività. Promuove l’impegno, l’efficienza e la spontaneità. Da sempre considerata la gemma perfetta delle spose. Prevalentemente indossato come gioiello è un valido alleato anche nella meditazione. Le gemme di maggior pregio provengono dalla Birmania, altri giacimenti si trovano in Cina, Vietnam, Thailandia, Sri Lanka, Tanzania e Madagascar. “Esso è raro come l’eclisse e quindi va utilizzato con gran cura e grande attenzione. Gli spiriti maligni non possono agire là dove c’è un rubino, scappano solo alla sua vista” Santa Ildegarda di Bingen

SERPENTINO “Protezione”

Il Serpentino appartiene alla classe dei filosilicati, il suo colore varia dal verde oliva, al verde giallo e verde chiaro. Da sempre considerata una pietra di protezione contro la negatività! E’ un’ottima pietra meditativa in quanto infonde una profonda pace interiore dissipando i conflitti con gli altri. Associata al 4° Chakra Anahata può essere collocata in un ambiente lavorativo per allontanare lo stress migliorando le relazioni con i colleghi o indossata come protettrice dalle energie negative. Giacimenti si trovano in Cina, corea, Nuova Zelanda, Stati Uniti d’america e Italia.

SERAFINITE “Pietra degli Angeli”

La Serafinite appartiene alla classe minerale dei fillosilicati ed è una varietà di clinocloro. I colori variano dal verde scuro al grigio con riflessi argentei. È associata al 4° Chakra Anahata ma lavora bene anche sul 6° Ajna. Le inclusioni di mica simili a piume ne hanno ispirato il nome derivante da “Serafino”, il più alto ordine di Angeli. Può essere indossata come pietra montata in collane, bracciali o ciondoli, tenuta in tasca o nella federa del cuscino per attivare una profonda pace interiore oppure usata in meditazione perché ha la proprietà di infondere chiarezza sui cambiamenti positivi nella nostra vita. Proviene unicamente dal lago Baikal nella regione orientale della Siberia in Russia.

SUGILITE “Serenità”

La Sugilite appartiene alla classe minerale dei ciclosilicati, è di colore rosa o viola/porpora ed è relativamente rara tanto che ad oggi esistono solo due miniere al mondo, una in Giappone e l’altra in Sudafrica. Scoperta nel 1944 dal petrologo giapponese Ken-Ichi Sugi è diventata la pietra simbolo della “New Age” negli anni ‘60. Promuove la fedeltà intellettuale senza mai scendere a compromessi, aiuta a trovare soluzioni eque, dissipa angoscia e paranoia. Associata al 7° Chakra Sahasrara protegge dalle energie negative. E’ una pietra che va indossata, tenuta in tasca o sotto al cuscino per beneficiare di tutte le sue incredibili proprietà.

TANZANITE “Antistress”

La Tanzanite è una varietà di Zoisite scoperta nel 1967 nel nord della Tanzania alle pendici del Kilimangiaro il cui nome le fu attribuito dalla maison Tiffany in onore dello Stato di ritrovamento. E’ una gemma rara di un colore definito blu-viola per la sua caratteristica di pleocroismo ossia la capacità di assorbire la luce in modo differente a seconda dell’orientamento della pietra e di conseguenza l’intensità dei suoi colori, ci sono varianti anche verdi e rosa. È una gemma utilizzata prevalentemente in gioielleria e molto ricercata in quanto estratta con limitazioni. Associata al 6° Chakra Ajna la Tanzanite conferisce la capacità di superare le crisi interiori per intraprendere la direzione migliore nella vita eliminando la paura dei cambiamenti. Stimola i pensieri chiari e la fiducia in se stessi. E’ una pietra che si può indossare, tenere in tasca o nella federa del cuscino. Ottima per la meditazione. L’unico giacimento si trova in Tanzania.

TORMALINA “Energia”

La Tormalina è un minerale appartenente alla classe dei Ciclosilicati e ha una composizione chimica complessa ma eterogenea, per questo esistono sette diverse varietà di Tormalina. Il nome deriva dalla parola cingalese “turmali” che significa “misto”. Dravite: bruno, verde, giallo, grigio Elbaite: tutti i colori e incolori Indicolite: blu Rubellite: rosso, rosa Verdelite: verde Tormalina Nera: nero Uvite: da chiaro a marrone scuro Il nome deriva dalla parola cingalese “turmali” che significa “misto”. La particolarità della Tormalina è il dicroismo, ossia la capacità di variare il colore a seconda del punto di osservazione della pietra. Una varietà amatissima dagli orafi è la Tormalina Anguria o Watermelon , chiamata così proprio per la somiglianza con il frutto, esternamente verde e internamente rosa. La TORMALINA ROSA è associata al 4° Chakra Anahata, rende perseveranti, estroversi, intraprendenti e affascinanti. Infonde passione, coraggio e energia. E’ la pietra del cuore, dona amore per se stessi e verso gli altri. Può essere Indossata come gioiello o per la meditazione. La TORMALINA BLU è associata al 6° Chakra Ajna, rafforza la capacità del pensiero autonomo, promuove la fiducia, la moralità e la verità. Dona felicità allontanando la tristezza, infonde tolleranza e senso di responsabilità. Bellissima pietra da indossare come gioiello. Giacimenti di Tormalina si trovano in Brasile, Stati Uniti d’America, Africa, Madagascar, Russia e Sri Lanka.

TURCHESE AFRICANA “Comunicazione”

La Turchese appartiene alla classe minerale dei fosfati, il suo colore varia dal verde al celeste. Usata fin dall’antichità come amuleto di protezione contro la negatività è associata al 6° e 5° Chakra Visuddha e Ajna. Dona felicità e fortuna a chi la indossa. Facilita la tranquillità e la saggezza. Ottima pietra per tutti coloro che hanno a che fare con la scrittura perché aiuta la comunicazione togliendo i blocchi mentali. Nello specifico la Turchese Africana è una delle tante varietà che si trovano in natura, ha un colore verde pallido con dei punti neri e nasce come Diaspro e non come vera Turchese. E’ una pietra molto delicata, non tollera in alcun modo saponi, oli o profumi di alcun genere, in quanto le sostanze acide possono alterarne la colorazione in modo irreversibile. Infonde calma, energia nuova e intuizione. La si può indossare come portafortuna, inserirla nella federa del cuscino, posizionarla vicino ad un computer per assorbire le onde elettromagnetiche oppure porla sui Chakra durante la meditazione. Si estrae prevalentemente in Africa.

VARISCITE “Verità”

La Variscite appartiene alla classe minerale dei fosfati, prende il nome dalla località in cui venne scoperta “Variscia” in Germania nel 1837 il cui termine in latino significa “terra dei castelli”. I colori variano dal verde pallido a smeraldo, grigio, bianco o incolore, è associata al 4° Chakra Anahata. E’ una pietra che incoraggia il desiderio di verità e autenticità. Rasserena l’animo placando il nervosismo e l’inquietudine. Aiuta la comunicazione chiara, la lucidità mentale, la razionalità e la capacità di ascolto. Può essere indossata come gioiello o tenuta nella mano sinistra. I maggiori giacimenti si trovano negli Stati Uniti d’America ma si trova anche in Australia, Germania, Polonia, Spagna e Brasile.

ZAFFIRO “Saggezza”

Lo Zaffiro appartiene alla famiglia del corindone, Da sempre considerato la gemma delle gemme in quasi tutte le tradizioni religiose. La varietà più comune è quella di colore blu/azzurra ma in natura ne esistono altre nei colori rosa, arancione, porpora, verde, giallo e bianco incolore. E’ la pietra di saggezza e regalità, potere e forza. Come per il Rubino, anche per lo Zaffiro esiste una varietà di Zaffiro chiamato “stellato”, nel quale è presente il fenomeno dell’asterismo, un riflesso luminoso a forma di stella a sei raggi dovuto ad inclusioni aghiformi di biossido di titanio presenti nella struttura cristallina. Associato al 5° e 6° Chakra Visuddha e Ajna lo Zaffiro è ancora oggi una delle pietre più amate per le tante proprietà che possiede oltre ad essere insieme al Diamante, allo Smeraldo e al Rubino, una delle quattro gemme più preziose utilizzate in gioielleria. Lo Zaffiro blu, chiamato anche la “pietra di Saturno”, infonde creatività, fiducia, amicizia e promuove la concentrazione verso i propri obiettivi nella vita. Dona calma, saggezza e desiderio di conoscenza. Ispira fede e amore. Posto nella federa del cuscino, allontana l’insonnia. Lo Zaffiro si può indossare come gioiello oppure posizionarlo su uno dei Chakra a cui è collegato durante la meditazione. I maggiori giacimenti di Zaffiro sono in Australia, Sri Lanka, Thailandia, Cambogia, Vietnam, Madagascar e India.

separatore